fbpx
Contenimento Covid-19

Misure di contenimento virus Covid-19 nei luoghi di lavoro

Il 14 marzo, su invito del Presidente del Consiglio dei ministri, le parti sociali sindacali e datoriali hanno sottoscritto un protocollo per regolamentare le misure relative al COVID-19 nei luoghi di lavoro.

 

L’obiettivo è quello di coniugare la prosecuzione delle attività produttive con la garanzia di condizioni di salubrità e sicurezza degli ambienti di lavoro.  Si può anche prevedere la riduzione o la sospensione temporanea delle attività.

 

Il protocollo ricorda che il DPCM dell’11 marzo 2020, oltre a prevedere l’osservanza di misure restrittive nel territorio nazionale, riporta precise raccomandazioni per le attività di produzione.

 

Formazione e informazione in azienda

Al fine di informare chiunque entri in azienda, verranno affissi all’ingresso appositi depliants informativi. Nello specifico, tali informazioni riguardano:

  • L’obbligo di rimanere a casa in presenza di febbre o di sintomi influenzali;
  • La consapevolezza di non poter permanere in azienda laddove sussistano condizioni di pericolo;
  • L’impegno a rispettare le disposizioni delle Autorità e del datore di lavoro e a informare quest’ultimo dell’eventuale presenza di sintomi influenzali.

 

Il documento si sofferma poi sulla formazione:

  • Sono sospese e annullate tutte le attività di formazione in modalità in aula. È possibile effettuare la formazione a distanza;
  • Il mancato completamento dell’aggiornamento della formazione professionale non comporta l’impossibilità a continuare lo svolgimento dello specifico ruolo/funzione.

 

Modalità di ingresso in azienda

Il personale, prima dell’accesso al luogo di lavoro, potrà essere sottoposto al controllo della temperatura corporea. Nel caso di temperatura superiore a 37,5°, il soggetto sarà momentaneamente isolato e dovrà contattare il medico curante. Inoltre, chiunque abbia avuto, negli ultimi 14 giorni, contatti con soggetti positivi al Covid-19 o provenga da zone a rischio, non può accedere in azienda.

 

Sulla gestione dell’entrata e uscita dei dipendenti, occorre favorire orari di ingresso/uscita scaglionati in modo da evitare il più possibile contatti nelle zone comuni.

 

Il documento, inoltre, riporta le indicazioni per le modalità di accesso ai fornitori esterni:

  • Va ridotto l’accesso ai visitatori;
  • Gli autisti devono rimanere a bordo dei propri mezzi;
  • Per le attività di carico e scarico, il trasportatore dovrà attenersi alla rigorosa distanza di un metro.

 

Pulizia, sanificazione e DPI

L’azienda assicura la pulizia giornaliera e la purificazione periodica dei locali. Importantissime le precauzioni igieniche personali: l’azienda mette a disposizione idonei mezzi detergenti per le mani.

 

Fondamentale è l’adozione dei dispositivi di protezione individuali:

  • le mascherine dovranno essere utilizzate in conformità a quanto previsto dalle indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità;
  • è favorita la preparazione da parte dell’azienda del liquido detergente secondo le indicazioni dell’OMS.

 

Organizzazione aziendale e sorveglianza sanitaria

La sorveglianza sanitaria deve proseguire rispettando le misure igieniche contenute nelle indicazioni del Ministero della Salute.

In riferimento al DPCM 11 marzo 2020 le imprese potranno:

  • disporre la chiusura di tutti i reparti diversi dalla produzione;
  • assicurare un piano di turnazione dei dipendenti;
  • utilizzare lo smart working ove possibile;
  • sospendere e annullare tutte le trasferte/viaggi di lavoro.

 

Leggi l’articolo completo

 

Consulta il “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”