fbpx

Nuove linee guida sulla classificazione dei rifiuti

Con Decreto n. 47 dello scorso 9 agosto il Ministro della Transizione Ecologica ha approvato le Linee Guida sulla classificazione dei rifiuti elaborate dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente, S.N.P.A. .Il Sistema Nazionale della Protezione dell’Ambiente (SNPA) è un’istituzione che svolge numerosi compiti fondamentali come le attività ispettive nell’ambito delle funzioni di controllo ambientale, monitoraggio dello stato dell’ambiente, controllo delle fonti e dei fattori di inquinamento e attività di ricerca finalizzata a sostegno delle proprie funzioni.

 

L’S.N.P.A. lavora esprimendo il proprio parere vincolante sui provvedimenti del Governo di natura tecnica in materia ambientale.

 

Le nuove guidelines perseguono l’obiettivo di garantire la corretta attribuzione da parte del produttore dei codici dei rifiuti e delle caratteristiche di pericolo dei medesimi, fornendo dei criteri tecnici omogenei a tutti gli operatori del settore. Il documento analizza i principali riferimenti normativi e linee guida tecniche di settore e fornisce un approccio metodologico basato su schemi procedurali per fasi, utile ai fini dell’individuazione del codice e per la valutazione della pericolosità.

Le finalità delle linee guida S.N.P.A.

 

Le linee guida forniscono, inoltre, la versione commentata dell’elenco europeo dei rifiuti, riportando esempi di classificazione di specifiche tipologie di rifiuti ed individuano criteri metodologici di valutazione delle singole caratteristiche di pericolo e degli inquinanti organici persistenti.

 

Il documento:

  • individua i principali riferimenti normativi e linee guida tecniche di settore;
  • illustra un approccio metodologico basato su schemi procedurali per fasi, utile ai fini dell’individuazione del codice e per la valutazione della pericolosità;
  • fornisce la versione commentata dell’elenco europeo dei rifiuti;
  • riporta esempi di classificazione di specifiche tipologie di rifiuti ed individua criteri metodologici di valutazione delle singole caratteristiche di pericolo e degli inquinanti organici persistenti (definizioni e limiti normativi, analisi delle procedure di verifica delle singole caratteristiche di pericolo e individuazione di possibili approcci metodologici con schemi decisionali).