Registro di manutenzione delle attrezzature: un obbligo sottovalutato

L’articolo 71 comma 4 lettera b del D.Lgs. 81/2008, prevede che “siano curati la tenuta e l’aggiornamento del registro di controllo delle attrezzature di lavoro per cui lo stesso è previsto”.

Ad una prima lettura sembra che tale comma faccia insorgere un obbligo di tenuta delle registrazioni esclusivamente per le attrezzature per le quali sia espressamente prevista l’istituzione di un apposito registro.

Rispondendo ad un nostro specifico interpello, tuttavia, la Regione Piemonte ha chiarito che il comma va letto nella sua interezza, obbligando il datore di lavoro ad effettuare controlli iniziali, periodici e straordinari su ogni attrezzatura utilizzata, con la conseguente registrazione.

 

Alla luce di questa interpretazione riepiloghiamo gli obblighi del datore di lavoro in merito alle attrezzature aziendali.

  1. Selezionare attrezzature conformi alle disposizioni legislative e ai requisiti generali di sicurezza
  2. Valutare i rischi specifici in base al lavoro che verrà svolto, ma anche in merito ad operazioni di installazione e manutenzione e ad eventuali interferenze con altre attrezzature o lavorazioni effettuate
  3. Fornire un’adeguata formazione ai lavoratori che utilizzeranno le attrezzature
  4. Fornire un’adeguata informazione a tutti coloro che, a vario titolo, potrebbero entrare in contatto con tali attrezzature
  5. Definire le procedure relative alla corretta installazione e messa in esercizio delle attrezzature
  6. Eseguire le necessarie manutenzioni e tenerne traccia tramite la redazione di un apposito registro

Utilizzando le funzioni gestionali messe a disposizione da AimSafe, disponibili gratuitamente registrandosi sul sito www.aimsafe.it, è possibile:

 

Mantenere un archivio delle attrezzature aziendali

Memorizzando, per ognuna di esse, i codici identificativi, i dati relativi all’acquisto, la documentazione fornita dal produttore e tutti i documenti relativi all’attrezzatura stessa.

In tale modo risulta agevole dare evidenza dei criteri di selezione delle attrezzature, del rispetto delle disposizioni legislative e del corretto monitoraggio di tutte le attrezzature aziendali.

 

Associare ogni attrezzatura ad un’apposita scheda di sicurezza

Attraverso la scheda di sicurezza viene data evidenza della corretta valutazione dei rischi connessi all’attrezzatura, dei necessari DPI da utilizzare e delle prescrizioni da seguire durante la messa in funzione, l’utilizzo o la manutenzione dell’attrezzatura stessa.

 

Definire la formazione necessaria

Ogni attrezzatura può essere abbinata alla specifica mansione aziendale che ne prevede l’utilizzo. In tal modo risulta agevole definire la necessaria formazione e abbinare alla mansione stessa i lavoratori incaricati.

Attraverso le funzionalità dedicate alla formazione di AimSafe, inoltre, sono disponibili avanzati sistemi di monitoraggio dei requisiti formativi mancanti o scaduti.

 

Generare una scheda completa delle necessarie informazioni per l’utilizzo e la manutenzione

Le informazioni inserite vengono riepilogate in una scheda dedicata che riporta tutte le necessarie informazioni in merito a utilizzo, manutenzione e controlli.

Tale scheda può essere messa a disposizione dei lavoratori al fine di fornire loro un’adeguata informativa.

 

Definire controlli e manutenzioni necessarie

Un avanzato sistema di definizione dei controlli e delle manutenzioni consente di definire il periodismo degli stessi, sia in termini temporali sia basandosi sull’utilizzo dell’attrezzatura.

Per ogni attività può essere specificato l’incaricato e il dettaglio delle operazioni da effettuare.

Il sistema di promemoria provvede a segnalare la scadenza delle attività previste.

 

Registrare ogni manutenzione effettuata

Ogni manutenzione potrà essere registrata, così come previsto dalla normativa, specificando il dettaglio degli interventi effettuati.

(Fonte: PuntoSicuro)

Translate »