fbpx
Rischio da agenti chimici e DPI: guida all’utilizzo

Rischio da agenti chimici e DPI: guida all’utilizzo

Un recente aggiornamento del documento Inail “Agenti chimici pericolosi: istruzioni ad uso dei lavoratori” fornisce indicazioni sui DPI, in particolare in riferimento al rischio da agenti chimici e a quanto indicato dal Regolamento UE 2016/425.

 

I Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) entrano in gioco quando i rischi sui luoghi di lavoro non sono removibili e compromettono la salute e la sicurezza dei lavoratori. Questi dispositivi devono possedere specifiche caratteristiche, in particolare devono:

  • essere marcati CE in modo visibile e duraturo;
  • essere adeguati al rischio che si vuole prevenire;
  • non introdurre ulteriori fattori di rischio;
  • essere facili da usare e adattabili alle esigenze del lavoratore;
  • nel caso di uso simultaneo di più DPI essi non devono interferire tra loro e devono mantenere la propria efficacia.

 

Ciascun DPI deve prevedere anche delle apposite “Istruzioni per l’uso“, in modo da fornire indicazioni sul corretto utilizzo del dispositivo, sulla scadenza del DPI e dei suoi componenti e sulle modalità di pulizia e manutenzione.

 

DPI e protezione delle vie respiratorie

I DPI caratterizzati da questa funzione, permettono al lavoratore di respirare e lo proteggono dal rischio da agenti chimici presenti nell’aria e potenzialmente pericolosi. Sono DPI di terza categoria, ovvero proteggono da rischi che possono causare gravi danni fisici.

 

I cosiddetti APVR (Apparecchio di protezione delle vie respiratori) si distinguono in:

  • isolanti: effettuano un vero e proprio isolamento dall’atmosfera circostante e forniscono al lavoratore l’aria di cui ha bisogno;
  • filtranti: purificano l’aria e possono essere usati solo se questa contiene almeno il 17% di ossigeno”.

 

DPI e protezione di viso, occhi, mani e corpo

Riguardo alla protezione del viso e degli occhi, da schizzi o spruzzi di sostanze pericolose, si utilizzano occhiali a tenuta o a mascherina, visiere e schermi.

 

Relativamente alla protezione protezione delle mani, è necessario utilizzare specifici guanti in grado di proteggere il lavoratore dagli agenti chimici impiegati. Oltre che all’abrasione, al taglio, allo strappo e alla perforazione.

 

Infine, riguardo ai DPI di protezione del corpo, questi sono indumenti monouso o riutilizzabili, che possono prevedere una protezione parziale o totale. Servono a proteggere il corpo dal contatto diretto con gli agenti chimici o dall’atmosfera che li contiene.

 

In conclusione, il documento Inail si sofferma nel dettaglio sugli aspetti riguardanti la manutenzione, la formazione e l’utilizzo dei DPI.

 

Leggi l’articolo completo

Hai bisogno di supporto e consulenza in materia di Rischio Chimico?

Scrivici!

info@eshqconsulting.it