fbpx
Sicurezza sul lavoro: sui doveri di vigilanza e controllo

Sicurezza sul lavoro: sui doveri di vigilanza e controllo

La posizione di garanzia del datore di lavoro è inderogabile quanto ai doveri di vigilanza e controllo.

 

Il Tribunale ha dichiarato la datrice di lavoro di un’azienda responsabile dei reati di cui agli artt. 71 comma 1 lett. a) e 96 comma 1 lett. g) del D. Lgs. n. 81/2008. Quindi, ha condannato la donna alla pena di euro 4.000 di ammenda.

 

L’imputata ha fatto ricorso sostenendo che, avendo delegato i profili organizzativi relativi alla sicurezza ed al controllo dei lavoratori a figure specializzate. Dunque, sostenendo che non poteva essere mosso nei suoi confronti, quale datore di lavoro, alcun giudizio di imprudenza.

 

La Corte di Cassazione ha dichiarato la motivazione infondata ed il ricorso inammissibile. Alla Datrice di Lavoro consegue ex lege la posizione di garanzia nei confronti dei lavoratori, quale obbligata alle prescrizioni dettate per la sicurezza del luogo di lavoro. E, quindi, la correlata responsabilità per violazioni delle norme antinfortunistiche.

 

Ed inoltre, non risulta risultata accertata nel giudizio di merito la sussistenza di una delega di funzioni ai fini della sua esenzione da responsabilità per la violazione della normativa antinfortunistica.

 

In conclusione, la Corte di Cassazione ha condannato la ricorrente al pagamento delle spese processuali e al versamento di una somma di tremila euro a favore della Cassa delle Ammende.

 

Leggi l’articolo completo