Whistleblowing

Whistleblowing: in consultazione il regolamento sanzionatorio

La bozza

L’Authority AntiCorruzione ha pubblicato la bozza del “Regolamento sull’esercizio del potere sanzionatorio in materia di tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro di cui all’art. 54-bis del D.Lgs. 165/2001 (c.d. whistleblowing)”.

Il provvedimento definisce le sanzioni amministrative pecuniarie a carico delle P.A. a fronte dell’adozione di misure discriminatorie nei confronti di un whistleblower.

Sanzioni

Il provvedimento definisce le sanzioni amministrative pecuniarie a carico delle P.A. a fronte dell’adozione di misure discriminatorie nei confronti di un whistleblower.

L’Autorità potrà esercitare il proprio potere sanzionatorio d’ufficio o a seguito di comunicazione dell’interessato e delle organizzazioni sindacali, oppure nei casi di mancata adozione di procedure per la presentazione e la gestione delle segnalazioni.

Nella redazione del regolamento, come si apprende dal comunicato stampa, l’A.N.AC. ha posto particolare cura nel disciplinare le modalità di presentazione delle segnalazioni, nell’assegnazione di un ordine di priorità e dell’iter con cui si svolge l’azione sanzionatoria, con indicazione dei termini, dei soggetti, delle modalità di attivazione e di espletamento del procedimento per l’irrogazione delle sanzioni.

La consultazione on line si è conclusa il 30 settembre.

(Fonte:AODV231)

Translate »